Vademecum per gli iscritti

L'introduzione del presidente Massai

vademecum
Il presente Vademecum ha lo scopo di fornire al neo laureato delle linee guida che servono per accompagnare lo stesso ad orientarsi all’interno della professione infermieristica al fine di proporre una rilettura della professione riposizionando la necessità di un nuovo pensiero della professione,
Perché essere infermieri oggi significa:
1) avere una cultura universitaria con un percorso di studi accademici;
2) essere ingegneri dell’assistenza evitando i frantumazioni derivanti da politiche regionali ed aziendali;
3) svolgere la propria professionalità attraverso la presa in carico della persona evitando lo spezzettamento dei servizi (Sanitari - socio Sanitari e sociali) che contrasta con continuità e co-relazione dei percorsi;
4) adottare un management strategico rivolto alla gestione, attivazione e amministrazione delle risorse;
5) lavorare attivamente sui programmi di politica nazionale per evitare la perdita dei giovani ed invecchiamento della professione;
6) favorire uno spirito di gruppo evitando personalismi e localismo che riducono potenziali politici, economici e di strategie a politiche ormai perdenti.


Le linee guida per la professione infermieristica in Toscana per il quinquennio 2015-2020, forniscono alle parti interessate un quadro di riferimento generale per un’azione congiunta finalizzata al raggiungimento degli obiettivi globali.
“Migliori risultati di saulute per gli individui, le famiglie e le comunità attraverso la prestazione di servizi infermieristici competenti, culturalmente sensibili e basati sull’evidenza.”
Le aree evolutive della Professione Infermieristica comprendono attività volte ad affrontare i fattori che ostacolano la professione infermieristica nella sua capacità di raggiungere l’obiettivo suddetto, quindi, di contribuire efficacemente al rinnovo dell’assistenza infermieristica nei piani strategici della regione Toscana. Tra questi fattori sono compresi: le carenti condizioni di lavoro, la mancanza di partecipazione nel decision- making e le limitate opportunità di sviluppo orizzontale di carriera.
Bisogna prestare particolare attenzione alla necessità di costruire una base di evidenza di dati rguardanti la professione infermieristica in area sanitaria e socio-sanitaria.


Principi Guida
Gli organi di governo regionale e gli enti ordinistici della professione devono garantire che la propria azione di collaborazione rispetti i principi guida relativi ai valori fondamentali dell’assistenza infermieristica sia nei servizi pubblici che in quelli privati:
• Azione etica: progettare e fornire servizi assistenziali basati sull’equità, l’integrità, la correttezza ed il rispetto del genere e dei diritti umani;
• Rilevanza: sviluppare servizi sanitari e socio-sanitari guidati dai bisogni di salute, dall’evidenza e dalle priorità strategiche valorizzando l’infermieristica;
• Consapevolezza: adottare modelli con approccio flessibile da implementare con il coinvolgimento delle comunità, delle aziende e delle organizzazioni di liberi professionisti;
• Partnership:lavorare insieme su obiettivi comuni,agire in collaborazione e supportare gli sforzi reciproci.


L’infermieristica deve possedere un sistema di regolarizzazione adeguato a supportare un esercizio professionale di elevata qualità e basato sull’evidenza. L’implementazione di strategie per potenziare i servizi infermieristici deve tener conto delle realtà, delle priorità e dei bisogni di ogni zona e azienda regionale.


Implementazione
Le linee guida sono progettate per fornire un quadro di riferimento generale all’interno del quale la regione possa scegliere obiettivi e attività prioritari al fine di soddisfare i rispettivi bisogni di salute. La regione incoraggia a prendere in considerazione le linee guida nella pianificazione sanitaria, delle risorse umane per la salute e nelle politiche e insieme agli enti ordinistici:
• Risponderanno alle richieste di assistenza, consulenza e sviluppo capacità;
• Rafforzeranno le capacità delle istituzioni regionali di sostenere gli sforzi per migliorare le prestazioni infermieristiche a livello regionale;
• Guideranno gli sforzi congiunti in aree di lavoro specifiche del quadro delle linee guida per l’infermieristica nel 2018-2020.


Azione Immediata
Le aree prioritarie per il 2018 comprendono lo sviluppo di:
• Un programma globale di lavoro per sostenere l’implementazione delle presenti linee guida;
• Strumenti e modelli per la raccolta, la conservazione e l’aggiornamento dei dati di base per il monitoraggio e la valutazionedell’implementazione delle linee guida;
• Piani d’azione per mobilitare le risorse per il potenziamento dei servizi infermieristici ad ogni livello del settore sanitario e socio-sanitario;
• Strategie di sanità pubblica e privata basate sul rinnovamento per migliorare l’accesso ai servizi infermieristici;
• Politiche per la collaborazione interprofessionale nella formazione e nella pratica;
• Punti concernenti le linee guida da iscrivere all’orine del giorno di incontri e conferenze regionali e zonali.

Danilo Massai
Presidente OPI FIPT


Scarica il - pdf Vademecum per gli iscritti (1.88 MB)  -


Copyright © 1998 - 2018 Cod. Fisc. 94270640488 - Tutto il materiale è di proprietà dell'Ordine Interprovinciale delle Professioni Infermieristiche di Firenze e Pistoia - Riproduzione vietata anche parziale
Powered by Joomla!® - Project Manager e Webmaster Enrico Dolabelli