Il blog delle informazioni dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche interproviciale Firenze Pistoia

blog

Rinnovata la commissione Albo infermieri, cinque i membri eletti

I nuovi consiglieri sono Marco Pantini, Maristella Mencucci, Stefano Guglielmi, Andrea Bianchi,I nuovi consiglieri sono Marco Pantini, Maristella Mencucci, Stefano Guglielmi, Andrea Bianchi,Gianluigi Pagliai

cai 2022

Marco Pantini, Maristella Mencucci, Stefano Guglielmi, AndreaMarco Pantini, Maristella Mencucci, Stefano Guglielmi, AndreaBianchi, Gianluigi Pagliai.

Sono loro i cinque membri della commissione Albo infermieri elettidomenica, 27 novembre.
Le elezioni si sono tenute il 25, 26 e 27 novembre presso le sedi di Opi Firenze e Pistoia.

La nuova Commissione Albo Infermieri (Cai) risulta dunque così composta: presidente Laura D’Addio; vicepresidente Alessandro Cecchi; segretario Francesco Cichero; consiglieri Chiara Biagini, AndreaBianchi, Maristella Mencucci, Stefano Guglielmi, Marco Pantini, Gianluigi Pagliai.
Le Commissioni d’Albo si occupano delle procedure di iscrizione dei nuovi infermieri, deiprovvedimenti disciplinari, di una serie di funzioni gestionali e di supportare le altre istituzioni nellostudio e l’attuazione di atti che riguardano la professione.

Nuovi cambiamenti nel Consiglio Direttivo OPI

OPI Firenze-Pistoia: dimissioni nel Consiglio direttivo, ma proseguono le attività in campo, incluse le procedure di ammissione all’Ordine dei neolaureati

xvi ipasvi

Nuovi cambiamenti da registrare in queste ore nel consiglio direttivo di Opi Firenze-Pistoia. Sei componenti hanno infatti rassegnato le proprie dimissioni dal consiglio direttivo dell’Ordine interprovinciale delle professioni infermieristiche.
Nella stessa seduta si è proceduto alla nomina delle nuove cariche: la consigliera Maddalena Troja per la carica di segretaria e Michele Trinci per la carica di tesoriere.
Pertanto, il Consiglio Direttivo dell’Opi Interprovinciale Firenze-Pistoia per il quadriennio 2021/2024 risulta composto da David Nucci come presidente, Barbara Caposciutti vicepresidente, Maddalena Troja segretaria, Michele Trinci tesoriere, e consiglieri Emanuele Ginori, Sandra Pisaneschi, Stefania Regoli, Michela Ulli.
L’attività di Opi Firenze-Pistoia però non si arresta. Prosegue regolarmente il lavoro con le riunioni del Consiglio direttivo, con tutte le procedure utili per l’ammissione all’Ordine dei neolaureati che possono quindi tranquillamente proseguire le procedure necessarie per l’iscrizione all’albo.

Pescia, inaugurata la targa dedicata agli infermieri

Donata da Opi Fi – Pt per rendere omaggio al loro lavoro in emergenza Covid


Una targa per non dimenticare il doloroso periodo dell’emergenza pandemica e rendere omaggio agli infermieri che l’hanno vissuta in prima linea. È stata inaugurata nei giorni scorsi la targa donata dall’Ordine delle Professioni infermieristiche interprovinciale Firenze-Pistoia all'ospedale Cosma e Damiano di Pescia (Pt). "Voi non vi siete arresi, avete lottato per il nostro bene, sempre a testa alta": così recita la targa, che riporta le parole di un paziente anonimo per dire grazie al personale sanitario.

La donazione è avvenuta alla presenza del presidente di Opi Firenze Pistoia, David Nucci. «A maggio abbiamo donato due targhe agli ospedali di Pistoia e Pescia e ora siamo a inaugurarle - ha detto Nucci -. Ci sembra un riconoscimento doveroso per non dimenticare quanto accaduto. È stata una fase difficile, che ha creato anche contrasti apri. Noi, come Ordine, abbiamo cercato di dialogare con tutti e siamo lieti di considerarci una casa per tutti».

«Intendo ringraziare Opi Firenze-Pistoia per questa targa – ha detto Lucilla Di Renzo, direttore sanitario del presidio ospedaliero - e voglio a mia volta esprimere la mia riconoscenza agli infermieri per il lavoro portato avanti in una fase difficile, insieme a tutto il personale sanitario».

«Per un periodo abbiamo accolto pazienti no Covid, in modo da alleggerire la pressione sull’ospedale di Pistoia, poi anche qui è stato aperto il reparto Covid - ha ricordato Paolo Cellini direttore infermieristico dell’area territoriale Pistoia -. Ringrazio i coordinatori e il personale per il loro impegno». «Abbiamo gestito una situazione drammatica e i nostri sforzi sono stati utili - ha proseguito Fabio Pronti dirigente assistenza infermieristica, ostetrica e sanitaria gestione della Valdinievole -. C’è stato un momento in cui l’ospedale è stato preso d’assalto ma siamo riusciti a reggere».

Poi è stata la volta di alcune testimonianze. «Abbiamo dovuto migliorare le nostre competenze sugli aspetti respiratori e a livello umano abbiamo dovuto assistere a una profonda sofferenza - ha detto l’infermiere Francesco Netti -. Non solo quella fisica dei pazienti ma quella legata alla lontananza dai loro cari. L’emergenza ci ha aiutato a essere ancora più partecipi e attenti ai bisogni dei nostri assistiti». «Parlo a nome del pronto soccorso - ha aggiunto l’infermiera Chiara Di Dente -. Per noi è stato tutto molto difficile, anche lavorare utilizzando tute e dispositivi di protezione. È stato un grande sforzo collettivo e siamo felici di aver dato il nostro contributo. Ringrazio anche a nome dei colleghi, anche di altri setting per questa targa».

Obbligo vaccinale per i sanitari: accolto l’appello di Opi Firenze - Pistoia

Il Ministro Schillaci reintegra i sanitari sospesi per non essersi vaccinati

Due giorni dopo l’appello dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche Interprovinciale Firenze - Pistoia arriva il provvedimento del neo Ministro della Salute Orazio Schillaci che prevede il reintegro in servizio del personale sanitario, sospeso per inadempienza dell’obbligo vaccinale, prima del termine di scadenza della sospensione fissato al 31 dicembre. Una decisione presa anche in ragione «della preoccupante carenza di personale medico e sanitario segnalata dai responsabili delle strutture sanitarie e territoriali».

L’annuncio arriva a poca distanza dalla lettera inviata dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche Interprovinciale Firenze Pistoia, presieduto da David Nucci, al neo Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, al Ministro della Salute Orazio Schillaci e alla presidente della Fnopi Barbara Mangicavalli con l’obbiettivo di sottoporre loro le problematiche relative all’applicazione della normativa in tema di obbligo vaccinale e presentare, alla luce della fine dell’emergenza pandemica, una serie d’istanze, tra cui appunto la possibilità di reintrodurre nei contesti lavorativi i sanitari non vaccinati.

«Ringraziamo per questo provvedimento che sposa l’appello fatto proprio due giorni fa dal nostro Ordine al Presidente del Consiglio, al Ministro della Salute e alla Fnopi – commenta il presidente di Opi Firenze - Pistoia David Nucci -. Siamo felici che sia stato accolta la nostra richiesta di rivedere la normativa in tema di obbligo vaccinale del personale sanitario, adeguandola alla situazione attuale. Avevamo appunto proposto di valutare la possibilità, vista la carenza di personale infermieristico nel nostro Paese, di reintrodurre nei contesti lavorativi le persone non vaccinate, laddove la loro attività lavorativa sia valutata di basso o nullo rischio nei confronti degli assisiti».

  • 1
  • 2

Copyright © 1998 - 2022 Cod. Fisc. 94270640488 - Tutto il materiale è di proprietà dell'Ordine Interprovinciale delle Professioni Infermieristiche di Firenze e Pistoia - Riproduzione vietata anche parziale
Powered by Joomla!® - Project Manager e Infermiere Webmaster Enrico Dolabelli